Callo osseo ed elettrostimolazione

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Il callo osseo è una formazione naturale

L’elettrostimolazione è riconosciuta come un metodo efficace per la riabilitazione dei pazienti, e per migliorare i risultati quando la abbiniamo all’attività fisica. In questo post impareremo cos’è il callo osseo e quale ruolo gioca nelle fratture ossee. Inoltre, verificheremo se il sistema di elettrostimolazione è efficiente per il recupero delle fratture e la sua efficacia con fratture in cui si verificano disturbi di consolidamento.

Cos’è il callo osseo?

Il callo osseo è una formazione naturale che compare dopo la frattura di un osso per unire le sue estremità. La frattura ossea precede un ematoma che diventa un coagulo, questo diventa tessuto dopo un processo di metabolismo connettivo e tessuto cartilagineo e osteoide, su cui si confina il calcio, formando tessuto osseo maturo. L’unione di una frattura può essere anormale ed è possibile che si formi un altro callo, come ipertrofico, vizioso, ecc.

Possiamo definire callo osseo come la formazione temporanea di fibroblasti e condroblasti nella zona di frattura di un osso, mentre cerca di rigenerarsi.

  • I fibroblasti sono un tipo di cellula molto comune e si trovano nel tessuto connettivo.
  • I condroblasti sono cellule che contengono gli organelli necessari per sintetizzare le proteine.
callo osseo elettrostimulazione

Callo osseo nelle fratture

Il corpo ha la capacità di rigenerare i suoi tessuti dopo un infortunio, sostituendo i tessuti danneggiati con nuovi tessuti. L’osso ha una capacità di rigenerazione molto importante e un certo tempo per la sua riparazione. Questo processo di riparazione ossea è noto come guarigione ossea.

Il consolidamento osseo si completa in 3 fasi consecutive. Queste fasi sono: infiammatoria e proliferativa, formazione del callo della frattura e rimodellamento.

Fase infiammatoria

Quando un osso viene colpito, assorbe energia insieme ai tessuti molli circostanti, ma se l’energia supera la sua capacità di assorbimento, l’osso si frattura. Quando un osso si frattura, si verificano emorragie locali e necrosi delle cellule ossee e dei tessuti molli. Ecco dove inizia la procedura:

A partire dalla situazione precedente, le cellule iniziano a migrare verso il sito della frattura e queste cellule iniziano a moltiplicarsi. Il liquido si accumula nello spazio tra le cellule e aumenta la permeabilità capillare, causando edema intorno alla frattura e infiammazione.

Formazione del callo fratturato

Nella seconda fase, inizia a formarsi il callo della frattura morbida. In questa fase, le cellule degli strati esterni dell’osso e dei tessuti molli proliferano e le cellule che formeranno il nuovo tessuto osseo, le cellule che assorbono e rimodellano l’osso e le cellule che creano i tessuti cartilaginei iniziano a differenziarsi.

Al termine di questa fase inizia ad avvenire la mineralizzazione del callo, per via dei cristalli che vi si depositano.

Fase di rimodellamento

Questa fase può richiedere mesi e persino anni. Se la zona lesa non è vascolarizzata, la rigenerazione non avviene mai, poiché l’attività metabolica che comporta la riparazione non può essere svolta senza l’ossigeno contenuto nel sangue. Per questo motivo, a volte è necessario eseguire innesti ossei vascolarizzati.

L’osso vascolarizzato è tessuto osseo che ha vasi sanguigni che vengono utilizzati per sostituire l’osso malato o ferito.

callo osseo è una formazione naturale

EMS e benefici per la composizione corporea

Allenamento con elettrostimolazione

L’allenamento fisico è importante per ottenere benefici nella composizione corporea. I programmi che combinano resistenza alla forza e allenamento cardio aiutano a ridurre il grasso corporeo e aumentare la massa muscolare, ma possiamo anche trovare altri vantaggi come l’aumento della densità minerale ossea.

L’aumento della densità minerale ossea è un fattore importante nella prevenzione delle fratture o favorisce il recupero quando subiamo una lesione ossea.

Secondo uno studio condotto da Amaro-Gahete, De-la-O, Jurado-Fasoli, Ruiz, Castillo e Gutiérrez (2019) per la rivista Medicine and Science in Sport, l’allenamento con i sistemi EMS favorisce il miglioramento della composizione corporea.

Questa ricerca mirava a studiare gli effetti di diversi programmi di allenamento sui parametri della composizione corporea negli adulti sedentari di mezza età. Il primo programma di allenamento era basato sulla raccomandazione dell’OMS sull’attività fisica. Il secondo ha eseguito un allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT) e il terzo ha aggiunto il sistema di stimolazione elettrica per tutto il corpo (WB-EMS) al programma di allenamento HIIT.

Tutte le sessioni sono iniziate con un riscaldamento dinamico generale della mobilità e si sono raffreddate con uno stretching attivo globale.

I risultati di questa ricerca hanno portato gli autori alla conclusione che l’allenamento con un sistema di elettrostimolazione muscolare del corpo migliora i risultati in tutti i parametri studiati.

Conclusione

Il callo osseo è una formazione naturale del corpo umano che compare dopo una frattura per unire le estremità. La vita sedentaria e un’alimentazione scorretta favoriscono la fragilità ossea, aumentando le possibilità di frattura.

Uno dei modi per prevenire le fratture è svolgere attività fisiche che migliorano la composizione corporea. Inoltre, dobbiamo ottenere i minerali e le vitamine necessari per rafforzare la nostra composizione ossea.

L’elettrostimolazione unita all’allenamento fisico innalza i livelli di mineralizzazione delle ossa, oltre a favorire la combustione dei grassi e migliorare la composizione corporea. Per questo viene postulato come mezzo di prevenzione delle fratture, o di riabilitazione una volta subita la lesione.

Alla Wiemspro abbiamo rivoluzionato il mercato dell’elettrostimolazione con la tecnologia delle nostre tute e apparecchiature EMS. Pensando sempre al tuo comfort e sicurezza, le nostre tute per elettrostimolazione si caratterizzano per la loro tecnologia ergonomica, poiché si adattano perfettamente al tuo corpo; e per la sua assoluta qualità nei materiali tessili più avanzati. Questo progresso tecnologico nelle apparecchiature EMS mira a rendere il tuo allenamento comodo, sicuro ed efficiente. Le nostre tute EMS sono adatte a qualsiasi tipo di utente, sia che si tratti di un atleta dilettante o di un professionista dell’allenamento EMS.

Domande frequenti sul callo osseo

Quanto tempo impiega il callo osseo a scomparire?

La scomparsa di un callo osseo, noto anche come callo di frattura, può variare in modo significativo a seconda della gravità della frattura, dell’età del paziente e di altri fattori. Un callo osseo è una massa di tessuto osseo che si forma attorno a una frattura durante il processo di guarigione. La sua funzione è quella di stabilizzare e riparare la frattura.

Generalmente, la formazione del callo osseo inizia entro le prime settimane dopo la frattura e può continuare per diversi mesi. Nelle fratture piccole e semplici, il callo osseo può scomparire completamente entro pochi mesi, una volta che l’osso è completamente guarito. Tuttavia, nelle fratture più gravi o negli anziani, il processo di guarigione può essere più lento e il callo osseo può persistere più a lungo.

In alcuni casi, soprattutto nelle fratture complesse o nelle aree sottoposte a carico significativo, il callo osseo potrebbe non scomparire completamente e rimarrà come struttura permanente nell’osso. Se hai dubbi specifici su un callo osseo o sulla sua guarigione, ti consigliamo di consultare un operatore sanitario, come un ortopedico, per una valutazione e una guida adeguate per la tua situazione particolare.

Come faccio a sapere se ho già un callo osseo?

Determinare se hai un callo osseo richiederà una valutazione medica da parte di un operatore sanitario, come un medico ortopedico o un radiologo, poiché sono necessari strumenti diagnostici specifici per confermarne la presenza. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi e segni che potrebbero indicare la presenza di un callo osseo, come:

  • Dolore persistente: Il dolore nel sito di una frattura che persiste oltre il periodo di guarigione iniziale potrebbe essere un’indicazione della formazione di callo osseo.
  • Difficoltà di movimento: Se si verificano restrizioni nel movimento di un’articolazione o di un osso dopo una frattura, questo potrebbe essere un segno di callo osseo.
  • Sensazione di grumo: In alcuni casi, potresti sentire un nodulo o un’area di maggiore densità nel sito della frattura, che potrebbe essere un callo osseo.
  • Cambiamenti sui raggi X: I test di imaging, come i raggi X, sono un modo comune per confermare la presenza di un callo osseo. Radiologi e ortopedici possono identificare la formazione di callo osseo su una radiografia.
  • Storia di fratture: Se hai una storia di fratture recenti e stai riscontrando i sintomi sopra menzionati, potrebbe essere dovuto a un callo osseo.

Se sospetti di avere un callo osseo derivante da una frattura precedente o avverti sintomi persistenti legati a una frattura passata, ti consigliamo di consultare un operatore sanitario. Il medico eseguirà una valutazione clinica e, se necessario, ordinerà test di imaging come radiografie o risonanza magnetica per confermare la presenza di un callo osseo e determinare il miglior approccio terapeutico per il tuo caso.

Come rimuovere un callo in modo naturale

I calli, noti anche come calli, sono aree ispessite della pelle che spesso si formano in risposta alla continua pressione o attrito. Possono apparire sui piedi, sulle mani o su altre aree del corpo. Ecco alcuni modi per trattare i calli in modo naturale:

  • Pediluvio: Immergere i piedi in acqua tiepida per circa 15-20 minuti per ammorbidire la pelle indurita. Ciò faciliterà la rimozione delicata del callo.
  • Esfoliazione: Dopo aver messo a bagno i piedi, utilizzare una pietra pomice o una lima per rimuovere delicatamente la pelle indurita. Fallo con movimenti morbidi e circolari. Non esagerare perché potresti danneggiare la pelle sana.
  • Idratazione: Applicare una crema idratante o un olio sulle zone interessate dopo l’esfoliazione per mantenere la pelle morbida e prevenire la formazione di nuovi calli.
  • Cuscinetti o protezioni: Puoi utilizzare cuscinetti o protezioni progettati per i calli dei piedi per ridurre l’attrito e la pressione su quelle aree.
  • Cambio delle scarpe: Assicurati di indossare scarpe comode e adatte per evitare una pressione eccessiva sui piedi.
  • Utilizzo di plantari: Solette o plantari personalizzati possono aiutare a distribuire la pressione in modo uniforme e ridurre la formazione di calli.
  • Olio dell’albero del tè: Alcune persone hanno trovato sollievo applicando l’olio dell’albero del tè, noto per le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie, sulle aree callose.
  • Aceto di mele: Mescola una parte di aceto di mele con tre parti di acqua e immergi un panno nella soluzione. Quindi, posiziona il panno sulla zona interessata durante la notte per ammorbidire il callo.
  • Nastro adesivo: Alcune persone hanno utilizzato nastro adesivo o medicazioni speciali per ridurre l’attrito nell’area del callo.

È importante ricordare che la rimozione di un callo può richiedere tempo e, in alcuni casi, potrebbe richiedere cure mediche se il callo è doloroso o persistente. Evitare l’uso di oggetti affilati o taglienti per rimuovere i calli, poiché ciò può causare lesioni alla pelle.

Se i tuoi calli sono dolorosi o non rispondono ai trattamenti naturali, ti consigliamo di consultare un podologo o un dermatologo per una diagnosi e una guida adeguata su come trattarli in modo sicuro ed efficace.

È possibile rompere il callo osseo?

I calli ossei, noti anche come calli da frattura, sono formazioni di tessuto osseo che si sviluppano attorno a una frattura durante il processo di guarigione. Non sono strutture fragili come i calli della pelle che si formano in risposta alla pressione o all’attrito. Invece, i calli ossei sono parte integrante del processo di guarigione della frattura e sono progettati per fornire stabilità e riparazione all’osso lesionato.

In condizioni normali, un callo osseo non è facile da rompere, poiché è composto da tessuto osseo che si fonde gradualmente con l’osso circostante man mano che la frattura guarisce. Tuttavia, se si subisce un trauma o si subisce una forza estrema nell’area della frattura prima che la frattura sia completamente guarita, potrebbero verificarsi complicazioni come fratture ricorrenti o deformità. Per questo motivo è importante seguire le raccomandazioni del medico o dell’operatore sanitario in merito alla protezione e alla cura di una frattura fino alla completa guarigione.

Bibliografia

Amaro-Gahete, FJ, De-la-O, A, Jurado-Fasoli, L, Ruiz, JR, Castillo, MJ, Gutiérrez, Á. Effetti di diversi programmi di allenamento sulla composizione corporea: uno studio di controllo randomizzato. Scand J Med Sci Sports . 2019 ; 29 : 968 – 979 .

Condividi questo post:

[geot_country_name]