FEDER_ENG

WIEMSPRO SL in the ICEX Next Program, has had the support of ICEX and the co-financing of the European ERDF fund. The purpose of this support is to contribute to the international development of the company and its environment.

Tiroidite di Hashimoto ed elettrostimolazione

Iscriviti alla nostra Newsletter!

La tiroidite o l'ipotiroidismo di Hashimoto possono rendere difficile la perdita di peso. Spieghiamo come l'elettrostimolazione aiuta a curare la tiroidite.

Cos’è la tiroidite

Prima di parlare di cos’è la tiroidite, è importante sapere cos’è la ghiandola tiroidea.

La tiroide è una ghiandola endocrina a forma di farfalla situata nella parte anteriore del collo. Questa piccola ghiandola produce ormoni che controllano il ritmo di molte attività metaboliche nel nostro organismo, come la velocità con cui vengono bruciate le calorie, la velocità con cui il cuore batte o il mantenimento della temperatura corporea adeguata.

Quando la tiroide è danneggiata, il peso è uno dei fattori più visibili che può essere influenzato, presentando problemi di perdita di peso (ipotiroidismo, che è quando la ghiandola tiroidea non produce abbastanza ormoni tiroidei) o problemi di aumento di peso (ipertiroidismo, che è quando la tiroide produce in eccesso gli ormoni tiroidei). L’infiammazione della tiroide può essere causata da un’infezione virale o da una malattia autoimmune.

In entrambi i casi si tratta di una disfunzione della tiroide.

Tipi di tiroidite

Quando la ghiandola tiroidea è colpita e smette di funzionare correttamente (sopra o sotto l’ormone) possono verificarsi tre tipi principali di disturbi della tiroide:

  1. Cancro alla tiroide.
  2. Ipertiroidismo (tiroide iperattiva).
  3. Ipotiroidismo e tiroidite di Hashimoto (tiroide ipoattiva). Quest’ultimo è quello su cui ci concentreremo.

Ipotiroidismo e tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è una malattia autoimmune, caratterizzata dalla distruzione della ghiandola tiroidea mediata da autoanticorpi.

Quando la tiroide non genera abbastanza dell’ormone T4 (quello responsabile della regolazione del metabolismo o del dispendio energetico del nostro organismo) si verifica l’ipotiroidismo, cioè una diminuzione globale dell’attività organica che interessa le funzioni metaboliche, neuronali, cardiocircolatorie, digestive, ecc. … Questo fa sì che il corpo utilizzi l’energia più lentamente e l’attività chimica delle cellule si verifichi più lentamente.

La tiroidite o di Hashimoto

Tiroidite di Hashimoto ed elettrostimolazione

La tiroidite di Hashimoto è un quadro clinico causato da una riduzione dell’attività della tiroide. La sintesi degli ormoni tiroidei (T4 e T3) è regolata dalla tireotropina (TSH) secreta nella ghiandola pituitaria. La missione di questi ormoni è di regolare le reazioni metaboliche del corpo come il consumo di acidi grassi. Quando c’è una riduzione dell’attività di questi ormoni, c’è un aumento della percentuale di grasso. Per questo motivo l’obiettivo del programma di elettrostimolazione e del piano nutrizionale deve essere focalizzato sulla perdita della percentuale di grasso.

Il giubbotto di elettrostimolazione genera uno stimolo elettrico, che fa contrarre i nostri muscoli a frequenze e intensità controllate da un dispositivo. Per questo motivo, l’elettrofitness darà al tuo allenamento l’extra di cui ha bisogno per ottenere risultati rapidi e visibili in poche sessioni, oltre agli altri vantaggi dell’EMS. Di seguito vi raccontiamo la storia di successo che abbiamo sviluppato da Wiems Lab.

Marta, malata di tiroidite di Hashimoto, prova un allenamento di elettrostimolazione

Marta ha iniziato con un peso di 72,7 kg e con un’alta percentuale di grasso nella zona della coscia, producendo cellulite. Per raggiungere l’obiettivo, abbiamo utilizzato la stimolazione elettrica di tutto il corpo (WB-EMS), che ci ha fornito un maggiore dispendio calorico durante le sessioni e una maggiore qualità della contrazione muscolare durante gli esercizi di forza.

Insieme a WB-EMS abbiamo svolto un programma di allenamento di elettrostimolazione di tre mesi di resistenza del circuito con un cardio Tabata al termine della sessione. Questo ci ha aiutato a metterci in un deficit calorico alla fine della giornata.

Nel secondo mesociclo dell’allenamento con elettrostimolazione, c’è stata una significativa riduzione della percentuale di grasso e dei perimetri corporei e, una volta terminato il programma di allenamento, siamo stati in grado di ridurre significativamente il grasso corporeo.

Dopo aver inserito Wiemspro nel suo programma di allenamento con l’elettrostimolazione, i cambiamenti sono stati visibili e il suo corpo ha percepito i benefici che l’impulso elettrico porta sotto molti aspetti.

tiroidite di Hashimoto

Miglioramenti durante e dopo il programma di formazione sull’elettrostimolazione

Dopo il programma di formazione, in Marta sono stati osservati i seguenti miglioramenti:

  • Percentuale di grasso totale.
  • Livelli di stress che influenzano indirettamente i livelli ormonali.
  • Tonificazione muscolare e igiene posturale.
  • Forza muscolare.
  • Qualità dei muscoli stabilizzatori (CORE) e del cingolo scapolare.
  • Resistenza aerobica e anaerobica.
  • Mobilità di tutte le articolazioni.
  • Qualità del sonno.
La tiroidite di Hashimoto possono rendere difficile la perdita di peso.

Chi è affetto dalla tiroidite di Hashimoto?

Circa il 5% della popolazione soffre di ipotiroidismo, essendo più frequente nelle donne sopra i 40 anni e nelle persone con una storia familiare di malattie della tiroide. Il periodo postpartum è ugualmente soggetto alla comparsa di questo problema.

Non è ancora noto il motivo per cui il sistema immunitario attacca questa ghiandola. Alcuni esperti ritengono che sia dovuto alla partecipazione di un virus o di un batterio, mentre altri ritengono che sia un problema genetico; in effetti, c’è un fattore ereditario. Sei a maggior rischio di tiroidite di Hashimoto se hai un familiare con malattie della tiroide o un’altra malattia autoimmune, come l’artrite reumatoide, il diabete di tipo 1 o il lupus.

I sintomi della tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto può iniziare con una sensazione di congestione del collo e gonfiore (gozzo) e di solito progredisce lentamente.

In questo tipo di tiroidite c’è una carenza di ormoni tiroidei, che provoca un rallentamento del metabolismo e, con esso, il funzionamento dell’organismo. Questo “stop” produce una serie di anomalie quali:

  • Colesterolo, viso gonfio e aumento di peso dovuto alla ritenzione di liquidi.
  • Stanchezza, stanchezza, sonnolenza…
  • Sensibilità al freddo.
  • Pelle secca, caduta dei capelli, unghie fragili, visione offuscata…
  • Problemi cognitivi: tendenza alla depressione, irritabilità, mancanza di concentrazione, problemi di memoria…
  • Costipazione, irregolarità del ciclo mestruale…
  • infertilità
  • Dolori muscolari, dolorabilità e rigidità.

Diagnosi di tiroidite di Hashimoto

La diagnosi si basa principalmente su un esame fisico e un esame del sangue per determinare se la persona ha anticorpi antitiroide.

In genere, i pazienti che sviluppano tiroidite consultano un medico per sintomi come affaticamento, problemi di concepimento, nodulo al collo (gozzo), alterazioni della pelle o dei capelli, raucedine o dolore nell’area della tiroide.

Sulla base di questi sintomi, viene eseguito un esame di screening fisico per vedere se la tiroide è gonfia e viene richiesto un esame del sangue per misurare i livelli di ormone tiroideo. Se il paziente è sospettato di avere la malattia di Hashimoto, ma il paziente non ha anticorpi nel sangue, verrà eseguita un’ecografia tiroidea per vedere, tra le altre cose, le dimensioni della tiroide.

Se questo esame del sangue è positivo, possono essere eseguiti anche i seguenti test:

Scansione e captazione della tiroide: per questo test, una piccola quantità di iodio radioattivo viene ingerita in modo che possa essere assorbita dalla ghiandola tiroidea.

Quindi, attraverso una gamma camera, osserveremo la quantità di iodio assorbita dalla tiroide.

Biopsia: un ago sottile e cavo viene inserito attraverso la pelle nella ghiandola tiroidea o nel nodulo sospetto per rimuovere un piccolo campione di tessuto e determinare se esiste il rischio di cancro.

Test di imaging (TC, PET/TC, scansione con iodio di tutto il corpo): se la diagnosi del test di cui sopra è positiva per il cancro, questo test viene eseguito per esaminare le dimensioni e la posizione del cancro.

Non c’è modo di prevenire questo disturbo, ma se siamo consapevoli dei sintomi che presentiamo, avremo una diagnosi e un trattamento precoci.

Trattamento della tiroidite di Hashimoto

Il trattamento dell’ipotiroidismo consiste nell’aumentare la produzione della ghiandola tiroidea mediante la somministrazione di un ormone tiroideo chiamato levotiroxina. Questo trattamento aiuta anche a ridurre le dimensioni della tiroide ipertrofica.

Essendo una malattia cronica, il trattamento è solitamente per tutta la vita, poiché l’ipotiroidismo autoimmune non è curabile ed è irreversibile. Tuttavia, le persone che ne soffrono possono condurre una vita completamente normale con la terapia sostitutiva dell’ormone tiroideo.

Inoltre, le persone con tiroidite di Hashimoto che non stanno assumendo la terapia sostitutiva dell’ormone tiroideo dovrebbero evitare di mangiare cibi con eccesso di iodio.

La tiroidite o l'ipotiroidismo di Hashimoto possono rendere difficile la perdita di peso. Spieghiamo come l'elettrostimolazione aiuta a curare la tiroidite.

Conclusione

In Wiemspro e, in particolare, nel nostro laboratorio scientifico specializzato nello studio di WB-EMS, Wiems Lab, analizziamo attentamente lo stato di ogni cliente e, a seconda di ciascuno, applichiamo tecniche personalizzate che si adattano alle sue esigenze, utilizzando sempre metodologie basate su prove scientifiche.

Ci auguriamo che questo contenuto sia utile e serva da riferimento per la vostra vita quotidiana se avete pazienti affetti da questa patologia o simili. Pubblicheremo altro presto.

Condividi questo post:

[geot_country_name]