FEDER_ENG

WIEMSPRO SL in the ICEX Next Program, has had the support of ICEX and the co-financing of the European ERDF fund. The purpose of this support is to contribute to the international development of the company and its environment.

Fibromialgia ed elettrostimolazione

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Fibromialgia e Elettrostimolazione

La sindrome fibromialgica (FMS) è una condizione cronica e complessa caratterizzata principalmente da dolore muscoloscheletrico multifocale o diffuso, cioè dolore in tutto il corpo, affaticamento, disfunzione cognitiva e disturbi del sonno, tra gli altri sintomi. Questa malattia, sebbene possa presentare dolore alle articolazioni, non è una malattia articolare.

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) la fibromialgia è considerata una malattia dal 1992 e colpisce il 2% – 7% della popolazione, in particolare le donne tra i 20 ei 50 anni. Fortunatamente, la fibromialgia non è pericolosa o fatale, ma influisce sulla qualità della vita e dell’ambiente lavorativo e familiare e può diventare invalidante, poiché le persone con questa malattia sono più sensibili al dolore.

Secondo gli studi, la fibromialgia è di origine neurologica, poiché il dolore percepito è dovuto a squilibri neurochimici a livello del sistema nervoso centrale. Questo interferisce con il modo in cui il cervello e il midollo spinale elaborano i segnali del dolore.

La sindrome fibromialgica è una malattia complessa ed è difficile da trattare e può avere conseguenze significative sullo stato di salute e sulla qualità della vita del paziente e i sintomi possono variare nel tempo con il progredire della malattia.

Fibromialgia ed elettrostimolazione di tutto il corpo

Il dolore sentito dalle persone con fibromialgia è variabile in intensità e posizione. Questo dolore cronico finisce per produrre cambiamenti nel corpo che fanno perdere al cervello la capacità di attivare correttamente i muscoli.

È anche noto che questi pazienti hanno difficoltà ad apprendere nuovi esercizi e che i frequenti cambi di posizione durante la sessione di allenamento non sono generalmente ben tollerati.

D’altra parte, l’affaticamento associato o la stanchezza cronica di solito rende difficile per queste persone svolgere l’esercizio fisico all’intensità e alla durata minima necessarie per portare loro benefici.

Questi e altri fattori rendono difficile lo svolgimento dell’esercizio fisico convenzionale, oltre a ridurne l’efficacia sulla salute.

Questo è il motivo per cui professionisti altamente qualificati nel settore delle scienze motorie hanno iniziato a incorporare l’elettrostimolazione di tutto il corpo come parte del loro trattamento.

Per curare i pazienti con fibromialgia abbiamo applicato l’elettrostimolazione localizzata, ovvero utilizziamo l’EMS in punti specifici del corpo per migliorare le capacità motorie delle persone affette da questa malattia, stimolando i muscoli e attivando il loro corpo.

Fibromialgia ed elettrostimolazione di tutto il corpo

Come l’elettrostimolazione aiuta le persone con fibromialgia

Vi raccontiamo l’esperienza di Francisco Montero, laureato in scienze motorie dell’Università di Granada, personal trainer e fondatore dell’azienda Green Gym Studio.

Dal 2014, Francisco e il suo team hanno aiutato decine di persone con fibromialgia a migliorare la loro qualità di vita utilizzando l’elettrostimolazione come strumento importante nel loro metodo di lavoro.

I principali benefici che l’elettrostimolazione apporta ai tuoi allenamenti sono:

  • Migliore attivazione muscolare e quindi miglioramenti nell’efficacia dell’allenamento.
  • Sensazione di benessere dopo l’allenamento.
  • Minore sensazione di stanchezza o affaticamento durante e dopo l’allenamento.
  • Esecuzione di semplici esercizi che non causano dolore o disagio.
  • Cura delle articolazioni non richiedendo l’uso di carichi esterni.
  • Capacità di progressione e individualizzazione dei carichi in ogni muscolo.
  • Dobbiamo capire che l’elettrostimolazione può essere utilizzata in molteplici modi, a seconda delle esigenze della persona.

Dobbiamo capire che l’elettrostimolazione può essere utilizzata in molteplici modi, a seconda delle esigenze della persona.

Se utilizziamo anche una tecnologia avanzata come quella di Wiemspro, ogni muscolo può essere stimolato individualmente. In questo modo possiamo adattarci al livello di attivazione muscolare di ogni area, al suo livello di sensibilità o forza.

Cause di fibromialgia

La causa principale di una malattia come la fibromialgia è dovuta alla stimolazione del sistema nervoso centrale, che produce un’aumentata risposta al dolore, reagendo in modo sproporzionato ai segnali del dolore.

La causa di questa alterazione è attualmente sconosciuta, tuttavia, ci sono alcune cose che potrebbero contribuire al suo aspetto:

  • Eventi traumatici o emotivi prodotti, ad esempio, da un incidente stradale o da uno stress psicologico prolungato.
  • Infezione virale o batterica.
  • Sfondo genetico. La fibromialgia può essere ereditaria e alcune mutazioni genetiche potrebbero rendere vulnerabile la comparsa di questo disturbo. Non si trasmette direttamente dai genitori ai figli, ma secondo uno studio la fibromialgia è 8 volte più frequente tra i membri della stessa famiglia.

Questi agenti scatenanti non sembrano causare la malattia, ma invece la risvegliano in una persona che ha già un’anomalia nascosta nella regolazione della propria capacità di rispondere a determinati stimoli, come il dolore.

Sintomi di fibromialgia

Come abbiamo visto nel punto precedente, i sintomi della fibromialgia possono manifestarsi dopo un evento traumatico fisico o emotivo, un’infezione virale o batterica, oa causa di un background genetico. Questi sintomi si accumulano nel tempo, fino a quando non “esplode” e risveglia la malattia.

Alcuni dei sintomi della fibromialgia sono:

  • Dolore e rigidità in tutto il corpo, compreso il viso o la mascella. È anche noto come rigidità o mialgia e può durare per più di tre mesi.
  • Intorpidimento o formicolio alle mani e ai piedi, noto anche come parestesia.
  • Stanchezza e stanchezza. Più del 90% delle persone colpite presenta questo sintomo.
  • Difficoltà a dormire. Tra il 70-80% ha problemi di sonno.
  • Problemi cognitivi o di memoria.
  • Depressione e ansia. Fino al 25% può avere questa malattia mentale.
  • Mal di testa o emicrania. Questo può scatenare vertigini e/o problemi di equilibrio.
  • Disagio addominale: disturbi digestivi, dolore addominale, infezione della vescica, colon irritabile.
  • Sensibilità ambientale: ipersensibilità a luce, rumore, odori e temperatura.
  • Problemi della pelle, come prurito, secchezza o imperfezioni.

Le persone che soffrono di questa malattia lo descrivono come un dolore dalla testa ai piedi, di solito intenso e spesso difficile da descrivere. I sintomi possono variare rispetto all’ora del giorno, alle condizioni meteorologiche, alla mancanza di sonno o allo stress, al livello di attività fisica o allo stadio di sviluppo della malattia.

Come l'elettrostimolazione aiuta le persone con fibromialgia

Diagnosi di fibromialgia

La fibromialgia è una sindrome che può essere difficile da diagnosticare, a volte richiede più professionisti sanitari per ottenere una diagnosi definitiva. Questo perché i suoi sintomi principali, come affaticamento e dolore, sono comuni a molte altre condizioni e possono essere confusi con altre malattie come l’artrite reumatoide, il lupus, la sindrome di Sjögren, la sclerosi multipla, l’artrosi o l’ipotiroidismo.

La diagnosi di fibromialgia è clinica, cioè non supportata da alcun test di laboratorio. Il medico identifica il dolore attraverso un’anamnesi generalizzata di almeno 3 mesi, quindi procede a un esame fisico in cui i punti dolenti si trovano in tutto il corpo della persona affetta, detti anche punti dolenti. Quando c’è dolore in 11 dei 18 punti segnati, si determina che si tratta di fibromialgia.

Si tiene inoltre conto, oltre all’esame obiettivo:

  1. La tua storia medica e il dettaglio dei sintomi.
  2. Raggi X o esami del sangue per escludere altre condizioni.
  3. Storia del dolore.
  4. Sintomi come affaticamento, stanchezza o problemi cognitivi.

Tipi o gradi di fibromialgia

La fibromialgia non è una malattia degenerativa e la sua intensità e durata varia in funzione di molteplici fattori (come abbiamo visto in precedenza); ma per aiutare il medico a stabilire un trattamento o linee guida più individualizzate e personalizzate, possiamo classificare questa malattia in quattro gruppi:

  • Fibromialgia idiopatica o primaria (Tipo 1). In questo grado si presenta come un normale profilo patologico. Mal di testa e disturbi del sonno sono spesso correlati a questo grado. Non essendovi malattie psichiatriche, né alcun altro tipo di malattia autoimmune, reumatologica o altro, la causa di questo tipo è del tutto sconosciuta.
  • Fibromialgia moderata o associata a malattia cronica (Tipo 2). Oltre a quanto sopra, può essere accompagnato da dolore o rigidità. L’ipotesi principale sarebbe la comparsa di fibromialgia come conseguenza della cronicità di altre patologie pregresse.
  • Fibromialgia grave e secondaria (Tipo 3). Questo grado è più grave, poiché l’immobilità può diventare critica e può anche portare a depressione, ansia e altri disturbi. È strettamente correlato a pazienti con malattie psicopatologiche.
  • Fibromialgia simulata o ipocondriaca (Tipo 4).

Ottenere una diagnosi chiara in ciascuna di queste quattro aree consentirà l’inclusione di ciascun paziente in ciascuna di queste classificazioni.

Trattamento della fibromialgia

Quando si parla di trattamento della fibromialgia, dobbiamo prima prendere in considerazione tre fattori:

  1. È una malattia cronica, ma non è degenerativa.
  2. Si evolve in focolai, cioè la persona colpita avrà stadi migliori e peggiori.
  3. Non esiste un trattamento curativo.

Sebbene non esista una cura universalmente accettata per la fibromialgia, esistono trattamenti sintomatici (cioè agiscono sui sintomi e non sulla malattia stessa). Questi trattamenti mirano a controllare o ridurre il dolore e altri sintomi, al fine di migliorare la qualità della vita della persona colpita. Alcune di queste terapie o trattamenti sono:

  • Farmaci: antidolorifici, analgesici, antidepressivi o miorilassanti.
  • Cambiamenti nello stile di vita: dormire e mangiare bene o fare esercizio regolarmente.
  • Terapia psicologica o di supporto: parlare con altre persone o imparare a gestire lo stress. Il modo in cui viene accettato e affrontato è cruciale.
  • Trattamenti complementari: massaggi terapeutici, terapie motorie, chiropratica, agopuntura o fisioterapia con elettrostimolazione.

Tra tutte le misure adottate nel trattamento della fibromialgia, gli esperti raccomandano di eseguire l’esercizio fisico aerobico in modo progressivo, graduale e costante.

In Wiemspro abbiamo combinato l’esercizio con l’elettroterapia controllata, in altre parole, applichiamo la fisioterapia con l’elettrostimolazione ai pazienti con fibromialgia.

fibromialgia ed elettrostimolazione

Conclusione

WB-EMS può essere applicato in molti modi diversi per coprire ogni esigenza relativa a quella patologia. Nelle pubblicazioni future spiegheremo più in dettaglio ciascuna di queste strategie applicative di elettrostimolazione.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni su fibromialgia ed elettrostimolazione, contattaci a info@wiemspro.com

Condividi questo post:

[geot_country_name]