EMS - Elettrostimolazione

Cos'è l'EMS?

Il sistema EMS è un metodo di allenamento basato sull’elettrostimolazione muscolare mediante impulsi elettrici a bassa intensità o a media frequenza. Grazie alla tuta di elettrostimolazione, gli elettrodi sono posizionati strategicamente intorno al corpo, generando una contrazione muscolare naturale nei muscoli. Questo impulso raggiunge gli strati muscolari più profondi che sono più difficili da attivare attraverso l’allenamento convenzionale.

Questa forma di allenamento mira ad aumentare rapidamente, efficacemente e visibilmente la nostra massa muscolare, sia per scopi sportivi, terapeutici o estetici.

Electroestimulacion

Elettrostimolazione

Se stai uscendo da un infortunio, soffri di dolori muscolari, sei in fase di riabilitazione o, al contrario, stai cercando di migliorare la forza muscolare e le prestazioni sportive, devi sapere che l’allenamento con l’elettrostimolazione è uno dei modi migliori per accelerare il recupero muscolare e raggiungere i tuoi obiettivi.

L’elettrostimolazione si ottiene per mezzo di uno speciale gilet da allenamento o di una tuta. Questa apparecchiatura ha elettrodi posizionati strategicamente sul nostro corpo, causando l’attivazione dei muscoli a causa di una scarica muscolare.

La formazione EMS è attiva. Questo significa che mentre i muscoli ricevono la scarica muscolare dagli elettrodi del gilet o della tuta di elettrostimolazione, noi accompagniamo l’esercizio con dei movimenti.

Il personal trainer utilizza un ipad o un dispositivo per monitorare ogni gruppo muscolare, regolando l’intensità dell’allenamento in base ai tuoi obiettivi e ottenendo risultati visibili ed efficaci.

Questa forma di allenamento mira ad aumentare rapidamente, efficacemente e visibilmente la nostra massa muscolare, sia per scopi sportivi, terapeutici o estetici.

Acronimi EMS

Sapevi che l’addestramento EMS ha qualcosa a che fare con gli astronauti e lo spazio? Ne conosci l’origine? Come è nato questo concetto?

EMS sta per Electrical Muscle Stimulation o stimolazione muscolare elettrica in inglese. Questo metodo di elettrostimolazione è nato dalla necessità di fornire agli astronauti la riabilitazione necessaria dopo la perdita di massa muscolare dovuta all’assenza di peso dello spazio.

Già negli anni ’90, i dispositivi EMS sono stati sviluppati per lo sport professionale, la riabilitazione e alcuni saloni di bellezza grazie ai loro eccellenti risultati.

Al giorno d’oggi, sempre più persone ci chiedono informazioni su questo metodo o modo di allenarsi. È passato dall’essere un allenamento di elettrostimolazione orientato ad atleti d’élite e professionisti dello sport (che hanno bisogno di maggiori prestazioni nella loro attività fisica e sportiva) ad essere molto richiesto dall’utente medio, che non è un esperto di sport, ma che vuole ottenere buoni risultati durante il suo allenamento nel minor tempo possibile. Efficienza e risparmio di tempo.

Elettrostimolatore muscolare

L’elettrostimolatore è la tecnologia o la formula di allenamento preferita nei centri di riabilitazione, in cui si utilizzano impulsi di corrente elettrica per trattare le lesioni. Ecco perché questo sistema è sempre più raccomandato nel campo della fisioterapia e dell’allenamento sportivo.

Il sistema EMS funziona come un elettrostimolatore muscolare. Questo significa che la corrente elettrica che passa attraverso gli elettrodi del nostro gilet o tuta di elettrostimolazione attiva i nervi negli strati muscolari più profondi che sono difficili da attivare con l’allenamento convenzionale, causando una contrazione muscolare, che simula lo stimolo elettrico generato dal sistema nervoso centrale.

Se stai uscendo da un infortunio, soffri di dolori muscolari, sei in fase di riabilitazione o vuoi ottenere risultati rapidi e visibili, devi sapere che un elettrostimolatore muscolare è una delle migliori risorse che hai a portata di mano.

L’elettrostimolazione si ottiene per mezzo di uno speciale gilet da allenamento o di una tuta. Questa apparecchiatura ha elettrodi posizionati strategicamente sul nostro corpo, causando l’attivazione dei muscoli a causa di una scarica muscolare.

La formazione EMS è attiva. Questo significa che mentre i muscoli ricevono la scarica muscolare dagli elettrodi del gilet o della tuta di elettrostimolazione, noi accompagniamo l’esercizio con dei movimenti.

Il personal trainer utilizza un ipad o un dispositivo per monitorare ogni gruppo muscolare, regolando l’intensità dell’allenamento in base ai tuoi obiettivi e ottenendo risultati visibili ed efficaci.

Questa forma di allenamento mira ad aumentare rapidamente, efficacemente e visibilmente la nostra massa muscolare, sia per scopi sportivi, terapeutici o estetici.

Come funziona l'elettrostimolazione

Gli elettrostimolatori funzionano? È normale che sorgano dei dubbi. Ci chiediamo se il sistema EMS funziona, o se è solo un’altra storia per venderci un prodotto di cui non abbiamo realmente bisogno, soprattutto se ne abbiamo sentito parlare poco o niente.

Il sistema di elettrostimolazione è stato per molti anni rivolto ad atleti d’élite, astronauti e professionisti dello sport. Figure come Daniel Carvajal, Roberto Bautista o Blanca Manchón usano questo metodo di allenamento per intensificare la loro routine di esercizi e ottenere risultati migliori.

Fino a tempi relativamente recenti, il mondo delle celebrità e degli influencer come David Bisbal o Patricia Montero hanno dato copertura alla formazione EMS, essendo molto nota nelle reti sociali i e facendo in modo che qualcun altro pubblico “meno specializzato” si interessi ad esso.

Il passaparola derivato dall’efficacia di questo tipo di allenamento ha fatto sì che sempre più persone si interessino a questo metodo: sia per perdere peso, guadagnare muscoli, tonificare, trattare lesioni o usarlo come complemento alla riabilitazione di ogni tipo.

Il sistema EMS utilizza impulsi elettrici e attiva simultaneamente quasi il 100% delle fibre muscolari in modo più intenso rispetto all’allenamento convenzionale o allo sforzo volontario. In altre parole, vengono attivati gruppi muscolari più profondi, con conseguente migliore coordinazione intra e inter-muscolare, aumento delle prestazioni atletiche e combustione dei grassi.

Con 20 minuti di allenamento con elettrostimolazione attiva inizierai a vedere i risultati già nella tua prima sessione. Questo perché il tuo corpo rilascia endorfine e la tua postura viene automaticamente migliorata quando i tuoi muscoli vengono attivati dalla tecnologia EMS. 

Come con qualsiasi esercizio ad alta intensità, potresti notare rigidità o indolenzimento muscolare il giorno dopo, ma dopo 3 o 4 sessioni vedrai risultati più visibili ed efficaci: i tuoi muscoli appariranno sempre più definiti.

Se vuoi mantenere e migliorare i tuoi obiettivi durante l’allenamento, e ottenere risultati significativi, dovresti integrare l’EMS 2 o 3 volte alla settimana per almeno 20 minuti: otterrai risultati migliori con meno rischi di lesioni.

TENS y EMS

Ha mai sentito parlare della TENS? E del EMS? Cosa hanno in comune questi due concetti e come differiscono? Chiariamo questi due termini dandovi un rapido riassunto delle loro caratteristiche e differenze.

Per parlare dell’elettrostimolazione TENS, dobbiamo prima essere chiari su cosa sia l’analgesia.

L’analgesia medica è definita come la perdita o la modulazione della percezione del dolore. Può essere locale, colpendo solo una piccola parte del corpo, o regionale, colpendo una parte più grande del corpo. È qui che entra in gioco il concetto di elettrostimolazione TENS.

La TENS ha le sue origini in Cina, poiché applica il concetto di elettropuntura per raggiungere i suoi obiettivi, ed è un’abbreviazione di Transcutaneus Electrical Nervious Stimulation, che in inglese sta per Transcutaneous Electrical Nervous Stimulation.

Gli elettrostimolatori TENS generano un effetto formicolante per eccitare solo le fibre sensibili. Grazie a questa carica elettrica, si generano impulsi elettrici che alleviano il dolore in modo molto naturale. L’obiettivo è quello di eliminare o moderare il dolore in aree chiave o sistematiche del corpo senza bisogno di farmaci o antidolorifici. In termini più tecnici, si genera un’analgesia locale o regionale. 

 Al contrario, l’EMS utilizza impulsi elettrici a bassa intensità o a media frequenza per generare una contrazione muscolare naturale nei nostri muscoli, sia a fini sportivi, terapeutici o estetici.

In conclusione, possiamo dire che la principale differenza tra loro è che nell’elettrostimolazione TENS si cerca di calmare il dolore localizzato in una zona specifica del nostro corpo per mezzo di piccoli impulsi sotto una sensazione di formicolio; mentre l’EMS si occupa di allenare e far lavorare i muscoli per ottenere resistenza, forza, tono, sviluppare l’ipertrofia, ecc.

Vantaggi dell'elettrostimolazione

L’uso dell’elettrostimolazione muscolare è ideale per scopi sportivi, terapeutici o estetici. Questo sistema è sempre più raccomandato nel campo della fisioterapia e dell’allenamento sportivo, in quanto:

Previene l’atrofia muscolare e migliora il sovraccarico. In altre parole, previene l’usura, la perdita o la riduzione del muscolo scheletrico.

Contrariamente alla credenza popolare, l’intensità dell’allenamento EMS non dipende dal carico di peso, ma dalla stimolazione elettrica che ricevono i muscoli. Alleggerendo le articolazioni da questi carichi, evitiamo future lesioni e problemi derivanti dal sovraccarico muscolare, riducendo così la tensione muscolare.

Aiuta il recupero muscolare dopo le lesioni. Inoltre, a basse intensità può funzionare come TENS.

Gli stili di vita sedentari possono portare a squilibri muscolari, e i muscoli delle spalle e della schiena sono spesso i più colpiti. Grazie al sistema EMS, possiamo esercitare in modo selettivo e specifico questi gruppi muscolari, che sono difficili da allenare efficacemente attraverso l’allenamento convenzionale o volontario.

Ideale per l’allenamento di resistenza o di forza.

L’efficacia dell’elettrostimolazione muscolare è indiscutibile. L’elettrostimolazione potenzia il tuo allenamento in modo da ottenere risultati efficaci e visibili in poco tempo. Una riduzione del diametro della vita, dei fianchi e delle cosce è stata osservata nell’allenamento di elettrostimolazione nelle donne. Al contrario, nell’allenamento di elettrostimolazione per gli uomini, si osserva una diminuzione della circonferenza della vita e un leggero aumento della muscolatura delle braccia, del petto, della schiena e delle gambe.

Controindicazioni all'elettrostimolazione

Ci sono molti dubbi che possono sorgere quando si pensa agli effetti collaterali dell’elettrostimolazione. Posso farmi male? Cosa succede se sovraccarico troppo il muscolo? Causa strappi muscolari? Niente del genere.

L’allenamento EMS non spinge il tuo corpo al limite, ma si adatta ai tuoi obiettivi e alla tua intensità. I suoi impulsi sono di frequenza bassa o moderata, e non danneggia il corpo. 

Quando ci impegniamo in un esercizio convenzionale o volontario, il nostro corpo riceve impulsi elettrici dal sistema nervoso centrale che producono una contrazione muscolare. L’EMS usa semplicemente questo principio naturale in modo più intenso ed efficace.

Come per qualsiasi sport o allenamento, uno dei possibili effetti collaterali dell’elettrostimolazione che si possono subire sono i tipici infortuni se: non ci si riscalda correttamente, non si esegue l’esercizio correttamente, o si spingono i muscoli alla fatica. Se non sei un professionista, o non fai sport regolarmente, è necessario, come in qualsiasi altra abilità sportiva, che il tuo allenamento sia supervisionato da un tecnico di fitness.

Si raccomanda alle donne incinte e a quelle che hanno dispositivi elettrici impiantati nel corpo, come i pacemaker, di evitare l’uso di questi dispositivi. È anche importante non mettere mai gli elettrodi su zone della spina dorsale, del collo o su ferite.