Come trattare la lombalgia con l’elettrostimolazione?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Come trattare la lombalgia con l'elettrostimolazione.

La lombalgia è quel dolore che si trova nella parte inferiore della schiena ed è correlato alla struttura muscolo-scheletrica della colonna vertebrale. È uno dei dolori più diffusi tra la popolazione e può diventare invalidante, poiché limita o impedisce i movimenti.

Infatti, l’80% delle persone ha avuto o avrà uno dei diversi tipi di lombalgia durante la propria vita e circa il 70% dei giovani ha sperimentato questo mal di schiena prima dei 16 anni.

Di seguito ti mostriamo le sue principali cause e sintomi, nonché i modi per placare questa condizione dolorosa.

Qual è la causa della lombalgia?

Qualche tempo fa, quando gli specialisti parlavano della lombalgia e delle sue cause, parlavano sempre di ernie del disco o scoliosi. Vale a dire, pensavano che fosse la conseguenza di un’alterazione nella struttura della colonna vertebrale.

Tuttavia, dalla Fondazione Kovacs indicano che questa affermazione è un errore. Sebbene le ernie del disco nella parte bassa della schiena siano tra le cause identificabili, questa diagnosi viene spesso utilizzata in modo improprio.

Questo fondamento afferma che la lombalgia compare a causa di un meccanismo neurologico in cui si attivano i nervi che trasmettono il dolore e si innescano una contrattura muscolare e un’infiammazione. Inoltre, in alcune occasioni, viene compressa anche la radice nervosa. Determinare cosa innesca questo meccanismo non è facile in molti casi, quindi il dolore è attribuito a sovraccarico o contrattura muscolare.

In caso di lombalgia, la più frequente è che abbia un’origine meccanica:

  • Problemi degenerativi del disco intervertebrale o delle articolazioni vertebrali posteriori.
  • Scoliosi o alterazione della statica vertebrale.
  • Sovraccarico meccanico o tensionale (contratture muscolari).
  • Trauma violento.
  • Fratture osteoporotiche.

Altre cause meno frequenti sono infezioni, tumori o malattie infiammatorie delle strutture vertebrali.

Sintomi della lombalgia

Quando si parla di lombalgia e dei suoi sintomi, le manifestazioni abituali sono l’infiammazione, il dolore locale o radiante e le contratture muscolari.

Allo stesso modo, a seconda del grado di affettazione e compressione radicolare, possono manifestarsi in diverse alterazioni della sensibilità (formicolio, iperestesia, ipoanestesia, anestesia…) e in alcune alterazioni del movimento (paralisi o paresi, tra le altre).

Tipi di lombalgia

Non esiste una classificazione specifica della lombalgia. Anche così, molti specialisti di solito lo differenziano tra queste due categorie che ti mostriamo:

lombalgia acuta

La lombalgia provoca dolore e, in alcune occasioni, è accompagnata da rigidità tra l’estremità delle costole e i glutei.

Si parla di lombalgia acuta quando i sintomi compaiono all’improvviso. In questo caso, il dolore nella parte bassa della schiena può durare da pochi giorni a circa quattro settimane. Questo dolore può essere accompagnato da rigidità alla schiena, difficoltà a stare in piedi o movimento ridotto nella parte bassa della schiena.

Si parla di dolore cronico quando dura mesi.

Quali sono i buoni trattamenti per la lombalgia acuta?

C’è un ampio consenso su quella che non dovrebbe essere la prima opzione per il trattamento della lombalgia acuta: le misure farmacologiche.

Per questo le prime indicazioni che i professionisti portano avanti ruotano attorno alla cura di sé: praticare determinati esercizi di prevenzione e mantenere l’attività in caso di lombalgia acuta o subacuta.

Le tecniche di rilassamento e le terapie alternative sono più consigliate per i casi di lombalgia cronica, ma manipolazioni e massaggi eseguiti da esperti possono migliorare sia il dolore cronico che quello acuto.

D’altra parte, l’elettrostimolazione muscolare può essere un’altra arma per combattere la lombalgia. Grazie alle tute per elettrostimolazione Wiemspro potrai lavorare su specifiche aree muscolari, esercitando i muscoli tramite impulsi elettrici locali. Questi impulsi sono generati dai dispositivi e trasmessi attraverso gli elettrodi della tuta di elettrostimolazione. Questi elettrodi sono posizionati in quei muscoli che vuoi stimolare. Gli impulsi imitano il potenziale d’azione proveniente dal sistema nervoso centrale, provocando la contrazione muscolare.

Lombalgia con sciatica

Nelle situazioni in cui il dolore supera la regione lombare e si estende agli arti inferiori, è considerata lombalgia irradiata. Se si estende dalla parte bassa della schiena al piede o al tallone lungo il lato o la parte posteriore della coscia, è chiamata sciatica o lombosciatica.

Questa condizione suggerisce una lesione alle radici nervose che escono dalla colonna vertebrale e che portano l’ordine di contrarre i muscoli degli arti inferiori attraverso il nervo sciatico.

Se il dolore non supera l’area del ginocchio, non si dovrebbe parlare di sciatica. Inoltre, in questo caso, la causa non è solitamente una lesione alle radici nervose, ma l’origine sarà di altra natura.

Come trattare la lombalgia con l'elettrostimolazione.

Cosa fare per riprendersi dalla lombalgia?

Nelle fasi iniziali della lombalgia, uno dei consigli più utilizzati è il riposo. Tuttavia, non dovresti nemmeno passare troppo tempo sdraiato sulla schiena, poiché questa postura può diventare dannosa se ne abusiamo. Tanto che può ritardare il recupero, ma un modo per rimanere riposati e attivi è utilizzare il programma di rilassamento dell’elettrostimolazione di Wiemspro, che mira ad alleviare lo stress e combattere la tensione.

Altre delle misure più utilizzate sono queste che indichiamo:

Farmaci

La somministrazione di antinfiammatori e analgesici fa parte delle soluzioni immediate per cercare di calmare il dolore nelle persone con lombalgia. Tuttavia, in determinate occasioni, i professionisti sanitari decidono che per un caso specifico è meglio ricorrere a un miorilassante.

Caldo e freddo

Per aiutare a ridurre l’infiammazione alla schiena, puoi applicare impacchi o impacchi di gel freddo. Se invece il disturbo è cronico, sarà conveniente utilizzare borse termiche per favorire il rilassamento muscolare.

Medicinali

Rilassanti muscolari, antinfiammatori e analgesici sono i farmaci indicati per il trattamento della zona lombare. Questi possono essere somministrati come iniezioni, unguenti, compresse o cerotti transdermici.

Quali sono i farmaci indicati per il trattamento della lombalgia?

  • Analgesici. Il dipirone o il paracetamolo sono farmaci appropriati per la lombalgia da moderata a lieve. Il medico può prescriverli da soli o in combinazione con oppioidi o miorilassanti.
  • FANS o farmaci antinfiammatori non steroidei. È un’alternativa agli antidolorifici. Ciò include naprossene, diclofenac o ibuprofene, tutti consigliati per alleviare la lombalgia acuta.
  • Rilassanti muscolari. Diazepam, ciclobenzaprina o carisoprodolo sono alcuni dei rilassanti più comunemente usati per i casi di lombalgia. Questi sono solitamente associati ad un analgesico (diclofenac, naprossene o meloxicam) per aumentare l’efficacia del trattamento e ridurre il dolore.
  • oppioidi. La codeina o il tramadolo sono due oppioidi che vengono utilizzati per un breve periodo di tempo in situazioni acute e devono sempre avere una prescrizione medica. Questi farmaci non sono indicati per il trattamento della lombalgia cronica.
  • Antidepressivi. In alcune occasioni, il medico può prescrivere alcuni tipi di antidepressivi come l’amitriptilina per alleviare la lombalgia cronica.
  • Unguenti e cerotti. Questa forma farmaceutica viene utilizzata per alcuni antinfiammatori e analgesici, come Voltaren. Il suo utilizzo è consigliato per il dolore lieve o per integrare i farmaci ad azione sistemica.
  • Iniezioni. Se ci sono segni di compressione del nervo sciatico, il dolore è molto intenso e impedisce di camminare o sedersi, è comune che in questa forma vengano prescritti miorilassanti e antinfiammatori. Inoltre, in alcuni casi, quando il trattamento somministrato non mostra segni di efficacia nel ridurre il dolore o il dolore si irradia, vengono somministrate iniezioni di cortisone per ridurre l’infiammazione.

Esercizi per il mal di schiena

Esercizi specifici per trattare questa condizione includono diverse forme di rafforzamento muscolare, stretching ed esercizi aerobici. Tutti loro saranno di grande aiuto per calmare il dolore e recuperare la mobilità della schiena. Inoltre, praticarli sarà utile per prevenire nuovi episodi di lombalgia.

Fisioterapia

Un fisioterapista può insegnare esercizi per migliorare la postura, rafforzare i muscoli addominali e della schiena e aumentare la flessibilità. L’uso regolare di tecniche di terapia fisica può impedire la ricomparsa del dolore. Inoltre, questi specialisti sono più adatti per insegnare come modificare i movimenti durante un episodio di mal di schiena per prevenire ulteriore dolore.

L’elettrostimolazione per fisioterapia, detta anche elettroterapia, può essere un valore aggiunto quando si tratta di curare la lombalgia, poiché la tuta per elettrostimolazione Wiemspro può lavorare ad intensità e frequenze molto lievi che favoriscono la riabilitazione e il recupero muscolare.

Terapie alternative

Oltre a tutto quanto indicato per combattere la lombalgia con gli esercizi, si consiglia anche di praticare yoga, pilates, tai-chi o discipline simili. Tutti aiutano a rafforzare i muscoli della schiena e sono consigliati a persone che soffrono di lombalgia sia cronica che acuta.

Igiene posturale

Per avere un rapido recupero ed evitare quei movimenti o posture che potrebbero causare nuovamente un episodio di lombalgia, è necessario curare l’igiene posturale. Imparare ad avere una postura corretta preverrà futuri disturbi di queste caratteristiche.

Pilates e rieducazione posturale globale (RPG) sono alcune delle migliori alternative in termini di prevenzione delle crisi future e rafforzamento dei muscoli spinali.

Elettrostimolazione per lombalgia

L’elettrostimolazione muscolare è un metodo molto efficace per il trattamento del dolore lombare. Non solo allevia il dolore, ma allo stesso tempo può aiutare a trattare le cause patologiche per prevenirne il ripetersi.

I benefici dell’elettrostimolazione per il mal di schiena sono scientificamente provati ed è una delle soluzioni preferite dagli operatori sanitari, in particolare dai fisioterapisti.

Nello specifico, l’uso corretto di un giubbotto per elettrostimolazione consente un’azione diretta alla regione lombare che provoca un effetto analgesico che calma il mal di schiena localizzato nella parte mediana e bassa della schiena. Così, grazie a questa azione guidata, è possibile ridurre le contratture, ripristinare la mobilità e alleviare i dolori muscolari in un’area di grande sensibilità.

Insomma, la lombalgia è una condizione molto diffusa tra la popolazione che può essere prevenuta eseguendo gli esercizi appropriati e che può essere curata utilizzando tecniche innovative come l’elettrostimolazione. Iscriviti al nostro blog per saperne di più!

La lombalgia è la causa più comune di mal di schiena

Condividi questo post:

[geot_country_name]